Gli Artisti

 

Gli artisti di UNOTREZEROUNO presenteranno opere in dialogo con l’afflato spirituale del luogo, grazie a installazioni audio-visive site specific e live performance che raccolgono le suggestioni degli spazi del monastero.

L’esigenza del tutto odierna di abbassare il volume del chiacchierio mondano e di aprirsi a una dimensione di silenzio è accompagnata ad un’arte capace di entrare nel profondo per trascendere il particolare e far decrescere la pressione mentale.

Quando le informazioni si sovrappongono e le parole smettono di comunicare, divenendo rumori fra gli altri, impastate in un brusio indistinto, il massimo rumore equivale al silenzio (Inutili). Ed è in questo momento che riaffiora il nostro rimosso, pensieri fluidi e inarrestabili che si incarnano in una voce immortale di una dimensione altra (The dead man singing on the moon).

Ma essere qui e ora richiede prendere coscienza del proprio universo, dell’impossibilità di una sincronia perfetta scandita da un tempo esterno; al pari, reclama l’accoglienza di un luogo da abitare, geograficamente interno (Minus.log). In questa dimensione atemporale si forzano i sottili limiti del silenzio, in questo intervallo si può udire il suono estatico che si cela in ognuno di noi (Triac); si può dare forma alla quiete e perdersi nel fascino di un loop organico che assorbe le sonorità e la magia del luogo (Globster) e infine abbandonarsi a un’arte che pulisce il pensiero.

 

Minus.log

Triac

The Dead Man Singing

Inutili

Globster